18 dicembre 2016

Top 3 libri da regalare a Natale

Parlando di regali, un libro è un perfetto compromesso last minute. Sì, ma quale scegliere?

Come stereotipo detta, non è Natale senza una buona lettura davanti al camino. E se in Islanda regalare un libro è d'obbligo, tra gli italiani tale tradizione va diffondendosi tanto quanto la concezione del bestseller come salvifico ripiego dell'ultimo minuto. Volendo però evitare di scadere nel grottesco avendo sciaguratamente dato credito alle classifiche dei più venduti, è in ogni caso possibile ripiegare sui titoli a tema. Che si tratti del classico romanzo di formazione dickensiano o dell'economica (ma non proprio) raccolta di gialli con ambientazione smodatamente luminosa e addobbata, basta un fiocco sulla copertina perché un libro sia pronto per la sua impersonale comparsata sotto l'albero.
Di seguito la top 3:

  1. Racconti di Natale, Dickens (Newton Compton Editori, 2014). Protagonista indiscusso del panorama letterario inglese ottocentesco, Dickens non scrive ma dipinge, con la sua penna, una Londra divisa tra ricchezze e povertà morali, spirituali, affettive ed effettive. Il Natale rappresenta in tal caso pretesto di cambiamento (redenzione) del personaggio, come notoriamente avviene nel celeberrimo Un canto di Natale.
  2. Un Natale in giallo, AA.VV. (Sellerio, 2011). Alcuni illustri investigatori si cimentano nella risoluzione di crimini all'ombra dell'albero di Natale. I loro autori, non da meno, osano arrischiarsi nell'ambito di una narrazione singolare non tanto per trama, quanto piuttosto per ambientazione. La psicologia dei personaggi risulta qui perfettamente esplorata, quando il Natale diviene banco di prova o vero e proprio pretesto di riscatto.
  3. Babbo Natale - Dove si racconta di come la Coca-Cola ha plasmato il nostro immaginario, Nicola Lagioia (Fazi Editore, 2012). A chi non rinuncia alla vera essenza – quella religiosa, s'intende – del Natale, si propone un volume che illustra e implicitamente condanna la moderna prosaicità della festa. Vincitore dell'ultima edizione del Premio Strega, Nicola Lagioia racconta la nascita di un'icona e il suo conseguente riflesso sulla cultura di massa.